Home » Protesi infette

Protesi infette

Le protesi di anca e di ginocchio si possono infettare...

 
Ogni anno in Italia sono impiantate circa 150.000 protesi articolari (anca, ginocchio, spalla, gomito, caviglia).

Una percentuale variabile di pazienti, 0.5 - 4 %, può sviluppare una infezioni post-chirurgica.

Non sempre la diagnosi è semplice e viene di preferenza effetuata presso Centri specializzati.

Sono tuttavia disponibili nuovi tests diagnostici, che possono facilitare e rendere più precoce la diagnosi di infezione protesica. 

Esistono infatti casi che si presentano con i segni dell'infiammazione acuta (arrossamento, calore, dolore, febbre) o con secrezione dalla ferita chirurgica, nei quali la diagnosi è quasi ovvia, ma spesso vi sono delle situazioni in cui l'unico dato è il dolore a livello dell'articolazione colpita.

 


 

 

La difficoltà di guarigione delle infezioni delle protesi articolari è legata alla presenza del

"biofilm batterico",  che protegge i batteri che aderiscono a qualunque superficie, incluse le protesi articolari, le placche o le viti per fissare le fratture, le valvole cardiache, ecc..

Guardate come si forma il biofilm batterico

 

 


  
 
 
www.osteomielite.net

Vedi le ultime novità sulla diagnosi e trattamento

www.osteomielite.net

Contattaci